TORINO SI TINGE DI BLUE ELETTRICO

Auto Bluecar nella postazione del Politecnico di Torino
Auto Bluecar nella postazione del Politecnico di Torino

È stato presentato venerdì 18 marzo 2016 al Politecnico di Torino il piano di mobilità sostenibile “Bluecar” riguardante l’investimento del gruppo Bolloré nella città della Mole. Non esiste posto più azzeccato per presentare un progetto tanto innovativo dell’ateneo piemontese, sicuramente tra i punti di riferimento in campo tecnologico a livello internazionale. Presenti all’ inaugurazione il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio ed il sindaco Piero Fassino. L’iniziativa del gruppo francese va ad aumentare in modo ecologico l’offerta dei servizi di car sharing presenti sul suolo torinese.

 

 

 

Era il dicembre 2015 quando sul sito del Comune di Torino si leggeva “saranno 700 le colonnine aperte al pubblico accessibili anche ai privati e fino a 400 auto per una copertura totale del territorio cittadino entro il 2017”, passo in avanti in termini di investimenti all’interno della realtà piemontese, nonché messaggio importante e significativo rivolto ai cittadini. La prima tappa di questo percorso consiste nell’attuale disposizione di cinque stazioni di ricarica, collocate in posizioni strategiche rispetto al centro città: Politecnico, Torino Esposizioni,  Corso Cadore,  Via Bertolotti e Via XX Settembre. Il servizio vuole essere un’alternativa comoda e valida ai convenzionali mezzi di trasporto.  Secondo quanto si apprende dal sito del quotidiano La Stampa, le auto Bluecar hanno un’autonomia di circa 250 km sulle strade urbane grazie alle batterie Litio-Metal-Polimeri sviluppate proprio dal gruppo Bolloré.

 

 

 

La presentazione del programma arriva in un momento particolare per la città di Torino, infatti solo qualche mese fa il mondo politico si apprestava a risolvere i problemi di inquinamento che affliggevano la qualità dell’aria nel capoluogo piemontese. All’ epoca dei fatti furono adottate misure quali la gratuità dei trasporti pubblici per delle intere giornate. L’inquinamento è un problema reale per la città di Torino ed una diffusione massiccia della condivisione delle auto elettriche potrebbe teoricamente contribuire ad arginare il fenomeno. Tuttavia la strada risulta essere in salita, poiché si dovrebbe cambiare la mentalità dell’automobilista, il quale dovrebbe rinunciare all’ uso esclusivo della sua vettura per mettersi al volante di un’auto che non gli apparterrebbe e senza avere la possibilità di personalizzazione del veicolo. Nonostante ciò, le auto elettriche rappresentano un’autentica alternativa per studenti fuori sede o per coloro i quali esiste il desiderio o la necessità di mettersi al volante, senza volere o potere possederne una.

,
Alessio Colella

Nato a Torino nel 1994. Studente di Ingegneria Gestionale, amo raccontare tutto ciò che mi circonda.