Business Model Canvas: dove inizia una startup

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Un’idea, apparentemente geniale, volendo anche la più innovativa del secolo, non è nulla senza un buon modello di business per realizzarla. Tra il pensare l’innovazione e il fare innovazione il passo è enorme, richiede molto lavoro e tantissima fatica.

Per innovare servono passione e determinazione. Si parte da una semplice intuizione e si arriva a una startup. Uno dei primi passi da compiere è la realizzazione di un Business Model. Cerchiamo di capirne qualcosa di più insieme.

Il Business Model e la Canvas

Secondo Alexander Osterwalder, ideatore del Business Model Canvas, un Business Model descrive la logica con la quale un’organizzazione crea, distribuisce e cattura valore. In questa affermazione ci sono alcuni concetti chiave da analizzare.

In primis, sembrerà scontato, ma non lo è, un business model deve seguire una logica, fatta di dati e materiale concreto, non deve essere basata su sensazioni o sul sentimento che la nostra idea sia la migliore al mondo. Per quanto un’idea possa essere buona, ciò che maggiormente determina il suo fallimento o il suo successo è il modo in cui la si mette in pratica.

Inoltre, occorre creare valore per il cliente ed essere in grado di far arrivare il nostro prodotto al cliente. Bisogna altresì essere in grado di prevedere in quale senso i nostri prodotti possano portarci benefici per catturarne il valore.

Per iniziare si parte da una tabella, la quale fornisce le relazione tra i diversi elementi dell’azienda. La tabella è composta da nove elementi:

  • Segmenti di clientela
  • Proposte di valore
  • Canali
  • Relazioni con i clienti
  • Flussi di ricavi
  • Risorse chiave
  • Attività chiave
  • Partner chiave
  • Struttura dei costi

Segmenti di clientela

A chi si rivolge la tua azienda? In questa parte della canvas bisogna focalizzarsi sulle persone o le organizzazioni che si vogliono raggiungere. Analisi di mercato e conoscenza delle esigenze del cliente sono i punti basi da cui partire. Ogni segmento avrà delle esigenze specifiche ed in questo frame vanno sottolineate.

Proposte di valore

Perché il cliente dovrebbe scegliere te? Le risposte a questa domanda possono essere molteplici: innovazione di prodotto/servizio, minor prezzo, maggiore accessibilità, migliore qualità del prodotto/servizio, ad esempio. Trova il tuo valore aggiunto, è fondamentale per la riuscita del tuo business.

Canali

Come viene effettuato il contatto con i clienti? Un canale può essere diretto, cioè di proprietà dell’azienda, o indiretta, cioè di proprietà di aziende partner. È importante scegliere adeguatamente i canali in termini di costi e di brand identity: saranno l’interfaccia con il cliente.

Relazioni con i clienti

È utile stabilire le relazioni dell’azienda con i diversi segmenti di clienti. Ad oggi, si riconoscono tre grandi tipologie di relazione: personale (addetto dedicato al cliente), self-service (relazione indiretta, servizio automatico) e di tipo community (interazione tra clienti).

Flussi di ricavi

Prezzo e modalità di pagamento le due parole chiave di questa sezione. Le modalità di pagamento possono diverse, ad esempio: vendita di un bene, noleggio, commissioni di intermediazione, quote di iscrizione.

Risorse chiave

Cosa ti serve? Impianti, macchinari, brevetti, licenze, personale, contanti.

Attività chiave

Cosa fare affinché il modello funzioni? Esistono tre categorie di attività: produttive, problem-solving e mantenimento e sviluppo di piattaforme.

Partner chiave

Di quali attori esterni hai bisogno per realizzare al meglio il tuo modello? Un’azienda deve sapersi come muovere all’interno delle possibilità le stanno intorno per accrescere e migliorare il proprio business. Può, così, decidere di stabilire delle alleanze strategiche con altre aziende.

Struttura dei costi

Quali costi dovrai sostenere? I costi derivano dalle scelte effettuate nei blocchi precedenti. Si possono distinguere in fissi e variabili, tenendo in considerazione eventuali economie di scala o di scopo.
Per approfondire consigliamo di consultare la seguente pagina: http://www.businessmodelcanvas.it/
,
Alessio Colella

Nato a Torino nel 1994. Studente di Ingegneria Gestionale, amo raccontare tutto ciò che mi circonda.