L’architettura si affida a Level(s), la piattaforma opensource per un mercato europeo sostenibile

Si chiama architettura sostenibile e si prepara a rivoluzionare il modo di progettare e vivere gli ambienti. Come renderla fattibile economicamente e inserirla in un mercato?

A questo hanno pensato i fondatori di Level(s), un progetto lanciato dall’Unione europea in collaborazione con Skanska, Saint-Gobain, Sustainable building alliance e Green building councils.

Cos’è l’architettura sostenibile

Sostenibile significa che l’edificio deve ridurre al minimo l’impatto sulla salute dell’uomo e sul quantitativo di risorse naturali disponibili.

Ebbene, proprio l’edilizia, con i suoi numerosi materiali, è uno dei settori più dispendiosi in termini di risorse (in primis acqua ed energia). Ma attenzione: non si parla solo del costo ambientale di costruzione, ma anche di quello di smaltimento, in un’ottica di economia circolare e di End-of-life management

Così, serve che i materiali impiegati nella costruzione siano riciclabili, e che l’edificio sia ben collocato nel territorio: non solo deve adattarvisi da un punto di vista estetico, ma anche funzionale; di fronte ai cambiamenti climatici bisogna progettare edifici che sappiano far fronte alle nuove condizioni.

Alte temperature, precipitazioni violente… Tutto ciò necessita una presa di consapevolezza da parte degli architetti: progettare edifici con una adeguata termoregolazione, con il giusto orientamento, ombreggiamento, o posizione vicina a bacini di energia rinnovabile.

Cos’è Level(s)

Ma stabilire cos’è davvero sostenibile può essere più difficile di quanto si creda, ed è per questo che nasce Level(s).

Si tratta di una piattaforma opensource che mira a raccogliere standard già esistenti al fine di costruire un quadro unico di riferimento tramite cui definire criteri condivisi perché un edificio si possa effettivamente dire sostenibile.

Level(s) è al momento in fase sperimentale, fase che terminerà nel 2019 ed è supervisionata dalla Commissione Europea.

La speranza è che Level(s) riesca a facilitare la transizione verso un’economia circolare, dove l’architetto veda l’edificio come un oggetto che ha un suo ciclo di vita e non solo una fase di costruzione e poi fruizione.

La piattaforma aiuterà lo sviluppo del mercato dell’edilizia sostenibile proprio preparando un campo di convenzioni e facilitando così l’assetto di prezzi e regole di mercato.

“Levels is a key development to help grow the green building market in Europe. We strongly believe it forms the foundations of a new ‘common language’ for all European green building professionals, which the market must now adopt to help shift standard practice towards ‘better practice.”  

James Drinkwater, Director of World Green Building Council’s European Regional Network.

Quello verso una vera architettura sostenibile sarà un processo lungo e magari non lineare, dovrà rispondere a cambiamenti e nuove complessità del mondo contemporaneo. Questo richiede un assorbimento culturale e, probabilmente, competenze che le nuove generazioni dovranno sviluppare e saper mettere in sinergia.

, ,
Lorena

Brescia, classe 1994. Studio Ingegneria e mi perdo in domande sulla società. Mi piace raccontare punti di vista.