Tre consigli a proposito di Brand Identity

02 Aprile 2018

<script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script><!– Barra_down –><ins class="adsbygoogle" style="display:inline-block;width:728px;height:90px" data-ad-client="ca-pub-1684532840919562" data-ad-slot="9810133650"></ins><script>(adsbygoogle=window.adsbygoogle|| []).push({});</script>

In un’ottica di miglioramento e crescita dell’impresa, si parla spesso di Brand Identity, ma quali sono gli ingredienti necessari per far sì che si riesca a raggiungere l’obiettivo prefissato?
Una strategia di comunicazione vincente potrebbe essere un buon punto di partenza per rinnovare l’immagine aziendale, ma sono necessarie solide fondamenta prima di buttarsi sul mercato.
Ecco alcuni step fondamentali da cui iniziare.

 

1. Conoscere il proprio Brand

L’identità di un’azienda è data dal marchio, anche detto brand, cioè il segno rappresentativo dei prodotti o servizi venduti ed è, solitamente, il primo biglietto da visita per l’approccio con i clienti. Infatti, può essere espresso attraverso immagini, parole, simboli e grafiche che riescano a distinguere i beni commercializzati da quelli delle altre aziende.
Il concetto di brand è, però, molto più ampio di quello dato dalla definizione giuridica, perché comprende l’identità, l’immagine e la percezione che il cliente ha dell’impresa stessa.

Come prima cosa è necessario che l’imprenditore sia ben consapevole dell’insieme di valori e caratteristiche dei propri prodotti, in modo da poterli confrontare con quelli effettivamente percepiti all’esterno.
Le sensazioni suscitate dal marchio sono fondamentali per un buon posizionamento di mercato, in quanto i consumatori tenderanno a identificarsi con ciò che viene comunicato e saranno più propensi ad acquistare i prodotti.
Il punto di partenza è quindi l’azienda stessa, che deve credere nella propria vision e deve aver fissato degli obiettivi da raggiungere prima di potersi confrontare con i target di riferimento.

 

2. Sintetizzare i propri valori

Nel momento in cui si è consapevoli di ciò che si vuole comunicare ai clienti, è necessario costruire un’immagine ben chiara, che sia capace di esprimere al meglio il set di valori aziendali.
Per rispondere alle esigenze di mercato bisogna creare un brand che aiuti l’impresa ad avere un rapporto di fiducia con i consumatori, portati a riacquistare i prodotti proprio perché il brand stesso è ormai noto e posizionato nel loro immaginario.

Ci sono alcuni strumenti utili nella costruzione della Brand Identity: moodboard, brainstorming e questionari possono aiutare a sintetizzare la visione che l’imprenditore vuole definire.
Il primo strumento è particolarmente significativo in quanto riassume, attraverso un insieme di immagini, il progetto che si vuole portare avanti e fornisce già un’idea di quello che si potrebbe utilizzare nelle campagne di comunicazione.
Il concept deve essere in grado di rispettare determinati requisiti per poter essere efficace:

• Quali sono le aspettative dei clienti?

• Perché il mio prodotto è in grado di soddisfarle meglio di altri?

• Cosa porta il mio cliente a riacquistare i miei prodotti?

Il prodotto venduto deve soddisfare un bisogno, portando valore aggiunto a chi ne usufruisce, in modo da suscitare fiducia e sicurezza, stimolando un processo di consolidamento della posizione sul mercato e di fidelizzazione.

 

3. Comunicare al meglio

Lo step finale è quello forse più importante: fare in modo che il Brand comunichi la proposta di valore ai clienti.
Tutto ciò che si vorrebbe trasmettere non crea valore se non è comunicato nel migliore dei modi.
I target, individuati durante le fasi di progettazione dei prodotti, sono fondamentali per poter strutturare al meglio una strategia di comunicazione. Clienti diversi necessitano di canali e metodi diversi: un target composto da adolescenti amanti della tecnologia non è raggiungibile da uno spazio pubblicitario su un quotidiano cartaceo, pertanto bisogna identificare le caratteristiche dei diversi gruppi per poter raggiungere i destinatari desiderati.

La scelta dei canali giusti non è sufficiente, ma è necessario trovare il giusto tono, le parole esatte e le immagini giuste da utilizzare. Ognuno di noi reagisce diversamente agli stimoli a cui è sottoposto, ma in linea di massima ci si possono aspettare le stesse reazioni da gruppi di persone con caratteristiche simili e la chiave sta proprio nel trovare la giusta strategia di comunicazione.
Esperti del settore sapranno consigliare l’approccio più giusto, analizzando il caso specifico, ma è importante avere le idee chiare per evitare di dover riprendere tutto il processo per ri-brandizzare l’azienda in seguito a una strategia poco efficace.

<script async src="//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script><!– Barra_down –><ins class="adsbygoogle" style="display:inline-block;width:728px;height:90px" data-ad-client="ca-pub-1684532840919562" data-ad-slot="9810133650"></ins><script>(adsbygoogle=window.adsbygoogle|| []).push({});</script>

Marian Milazzo

#brandidentity #business #company