La magia del Natale raccontata con 5 spot pubblicitari

Il fenomeno delle pubblicità natalizie

L’arrivo del Natale è immancabilmente accompagnato da un’aria di magia ed emozioni. Tutti, o quasi, sono più buoni e i sentimenti raggiungono livelli stellari, mentre i buoni propositi per l’anno prossimo iniziano a formarsi. Oltretutto, i valori familiari si rafforzano e la maggior parte delle persone diventa più sensibile agli stimoli positivi che arrivano dagli altri. Queste caratteristiche rendono il Natale il periodo ideale per la diffusione virale delle pubblicità, specialmente quelle impegnate e cariche di messaggi emozionali.

Ben consapevoli di questa realtà, le grandi multinazionali ogni anno stanziano budget a sei zeri e si sfidano a colpi di spot pubblicitari e regali venduti. Il consumatore è infatti più propenso a fare acquisiti e i commercianti fanno di tutto per raggiungere un nuovo record di vendite. Fortunatamente, però, non tutte le pubblicità hanno lo scopo di promuovere prodotti. Specialmente negli ultimi anni, molte aziende, piuttosto che porsi l’obiettivo immediato d’ incrementare le vendite, hanno deciso di produrre messaggi utili per il sociale. Il consumatore ci guadagna un cuore più caldo, e magari qualche momento di profonda riflessione, mentre le imprese, al lungo termine, rafforzano notevolmente la loro brand awareness. D’altronde, per loro è fondamentale costruire una forte identità e immagine pubblica per garantire la fiducia e il sostegno del pubblico nel futuro.

Ovviamente per avere un brand di successo è necessario lasciare un’immagine positiva nel cuore e nella mente dello spettatore. Una pubblicità mal riuscita o non ben ricevuta del pubblico potrebbe facilmente condurre un’azienda al suo declino, mentre una di successo ha il potenziale di garantire un profumato numero di vendite per molti anni a venire.

Qual è la migliore pubblicità?

Dato che ogni Natale vengono prodotti decine e decine di spot, noi di JEToP ci siamo chiesti quali siano i più graditi tra i giovani. Abbiamo quindi realizzato un sondaggio all’interno della nostra organizzazione relativo alle pubblicità più virali del momento. Ora vogliamo analizzarne con voi i risultati e scoprire quali siano le caratteristiche di un progetto vincente nel paesaggio delle pubblicità natalizie.

Le 5 pubblicità prese in esame sono le seguenti:
  • What would Christmas be without love? – Erste Group
  • Condividi i tuoi doni – Apple
  • The Boy and The Piano – John Lewis and Partners
  • Il piano di Giacomo – Bauli
  • Il Natale ha bisogno di te – Coca Cola
What would Christmas be without love?

What would Christmas be without love? è un’animazione digitale realizzata da Passion Pictures per il Gruppo Erste, con la direzione di Kyra & Constantin. Il video è accompagnato da una canzone prodotta appositamente dal compositore Mike Connaris e cantata da Alee Kinder. La pubblicità ci racconta la storia di Henry, un porcospino, che inizia a frequentare una nuova scuola. A causa dei suoi spunzoni gli resta però difficile svolgere tutte le attività che sono invece normali per gli animali di specie diverse. Sconsolato e convinto di essere schernito da tutti Henry troverà invece degli amici che lo accettano per quello che è e lo aiutano a superare gli ostacoli che lo affliggono. Gli hashtag associati al video sono #believeinlove e #beieveinchristmas, rimandando in particolare a quello associato al gruppo, #believeinyourself. Secondo le parole di Erste stesso la loro pubblicità vuole essere “una storia sul potere dell’amore, credere in sé stessi e nella benevolenza degli altri. Non importa quanto insormontabile un ostacolo possa sembrare: l’amore troverà la sua strada”.

Condividi i tuoi doni

Condividi i tuoi doni è anche questa una breve storia animata, commissionata da Apple a TBWA’s Media Arts Lab e accompagnata della canzone “Come out and play” realizzata appositamente da Billie Eilish. Dopo numerosi spot natalizi di successo, quest’anno è la prima volta che Apple decide di sperimentare con le animazioni e lo fa in stile Pixar, impiegando figure digitali e amichevoli, piene di sentimento. Inoltre, risulta fin da subito chiaro che lo scopo della pubblicità non è sbandierare le qualità dei loro prodotti; durante quasi tre minuti di video l’unico prodotto a essere mostrato è un MacBook, che compare solo un paio di volte. Piuttosto l’intenzione è quella di generare sentimenti positivi nello spettatore. Di fatti, la storia racconta di una ragazzina molto dotata artisticamente che si vergogna di mostrare le sue abilità e le sue opere agli altri. Il suo cane prende allora molto simpaticamente l’iniziativa e fa sì che queste vengano diffusi per tutta la città. Ovviamente i passanti rimangono stupiti dall’incredibile talento e la ragazza realizza la bellezza di condividerlo con gli altri.

The Boy and The Piano

The Boy and The Piano continua la tradizione cominciata nel 2007 delle pubblicità natalizie di John Lewis and Partners, una catena di grandi magazzini di lusso inglesi. Quest’anno il loro breve film è stato prodotto da adam&eveDDB, con la direzione di Seb Edwards di Academy Films. La colonna sonora è niente meno che Your Song, il primo grande successo musicale di Sir Elton John. Dopotutto la storia raccontata è proprio quella di Elton, partendo da oggi e andando a ritroso fino al giorno in cui, ancora bambino, ricevette in regalo il suo primo pianoforte. Lo spot vuole infatti comunicare che “alcuni regali sono più che un semplice regalo” e il Natale è sicuramente il periodo giusto per fare doni. Per l’occasione è stata anche realizzata una campagna interattiva basata sullo spot: nello store principale di Oxford Street, i clienti hanno la possibilità di esplorare i camerini, gli studi di registrazione e i soggiorni. Inoltre, in altri negozi della catena è stato reso disponibile un pianoforte da poter suonare, così come fece Elton. È interessante notare che la partecipazione di Elton avviene a pochi mesi dal suo tour e dall’uscita di Rocketman, il biopic che lo vedrà come protagonista.

Il piano di Giacomo

Il piano di Giacomo è la nuova campagna promozionale di Bauli, rivolta a pubblicizzare come ogni anno il loro Pandoro di Verona. La direzione è stata a opera di McCann Worldgroup Italia con la regia di Matthieu Mantovani. La storia messa in scena racconta l’inventiva del piccolo Giacomo che porta a compimento il suo mirabolante piano per indurre Aldo, il vicino di casa, a conoscere sua mamma Anna, nella speranza di renderla felice per Natale. Il racconto è accompagnato dall’inconfondibile brano A Natale puoi”, nato nel 2005 per Bauli e diventato ormai un classico delle pubblicità natalizie dell’azienda dolciaria. Per rendere i contenuti del 2018 più interessanti e per coinvolgere maggiormente il pubblico PHD Italia ha svolto un’estesa attività di propaganda sui social media prima della diffusione dello spot. Inoltre, è stato realizzato un apposito sito web dove è possibile visionare la versione estesa del filmato e trovare risposta a molte curiosità sul backstage e il processo di realizzazione.

Il Natale ha bisogno di te

Il Natale ha bisogno di te è invece lo spot di Coca-Cola, anche questo realizzato da McCann Worldgroup Italia e pianificato da Mediacom. Con questa campagna, la multinazionale incoraggia tutti a essere generosi e a condividere, specialmente nel periodo natalizio, collaborando loro stessi in prima persona con il Banco Alimentare. L’accordo è di raccogliere e distribuire 1 milione di pasti, acquistare un mezzo per il trasporto delle eccedenze alimentari e distribuire 30.000 pacchi di alimenti ai bisognosi. Inoltre, viene offerta allo spettatore la possibilità di aumentare la donazione esprimendo un semplice voto tramite l’icona Shazam presente sui prodotti e i social Coca-Cola. Da qui lo slogan Più siamo, più doniamo”. In particolare, sono 3 i possibili progetti di solidarietà soggetti a voto:

  • Donare un pranzo per Natale a chi è in difficoltà
  • Rinforzare la squadra di Banco Alimentare con nuovi strumenti e spazi 
  • Regalare un pacco di alimenti a chi ne ha bisogno
Cosa aspettate a votare?
Il sondaggio

Dopo aver letto le descrizioni dei singoli spot o averli visionati quale è quello che ha colto maggiormente la tua attenzione? Perché?

Per quanto riguarda noi di JEToP ecco i risultati del nostro sondaggio interno:
  • What would Christmas be without love? 54%
  • The Boy and The Piano – John Lewis and Partners 19%
  • Il Natale ha bisogno di te – Coca Cola 11%
  • Condividi i tuoi doni 8%
  • Il piano di Giacomo – Bauli 8%

What would Christmas be without love? si aggiudica quindi il primo posto, sbaragliando la concorrenza con più del 50% dei voti! Vista la netta vittoria ci sorge spontanea una domanda: “Cosa rende questa pubblicità così speciale?”

Una breve analisi

Sicuramente possiamo dire che essendo un’animazione digitale si distingue dalla maggior parte degli spot natalizi dell’ultimo decennio, nonostante i film CGI (Computer-generated imagery) stiano prendendo sempre più piede. Anche Apple quest’anno ha infatti adottato lo stesso stille, il suo messaggio risulta però più difficile da rendere proprio se paragonato all’immediatezza dell’immagine di Henry il porcospino. Inoltre, è importante tenere in considerazione che il video di Condividi i tuoi doni ha una durata quasi doppia rispetto a What would Christmas be without love?. È quindi probabile che lo spettatore perda interesse prima di giungere alla rivelazione finale della morale della storia. Per termine di paragone, la pubblicità di Elton John, sebbene sia anch’ essa piuttosto lunga, riesce a tenere vivo l’interesse grazie a cambiamenti visivi dinamici e ad una canzone di fama storica quale Your Song.

In conclusione, possiamo dire che per quest’ anno la chiave per raggiungere il cuore dei giovani sembra essere stata una combinazione di animazioni, messaggi di amore e spirito di fraternità, il tutto coronato da un video di lunghezza media e una colonna sonora dedicata e armoniosa.

Tu cosa ne pensi? Sei d’accordo o avresti votato un’altra pubblicità?

E con questo è tutto da JEToP per il 2018…
Vi auguriamo un felice Natale e un produttivo Anno Nuovo!
,
Lorenzo Gramigni

Studente di Ingegneria Informatica. Per sconfiggere la noia mi lancio sempre a capofitto in nuove avventure ma la mia più grande passione rimarrà sempre viaggiare!