The Mentors: Cristina Fogazzi

Cristina Fogazzi è l’Estetista Cinica, imprenditrice e fondatrice di VeraLab, tra le 100 donne più influenti del 2020 secondo Forbes Italia.

Cristina Fogazzi, 46 anni, è un’imprenditrice di Brescia che, prima di essere conosciuta come l’Estetista Cinica, ha svolto un’infinità di lavori.   

Dopo la maturità classica ha frequentato per due anni la Facoltà di Lettere, per poi mollare a causa di alcune difficoltà economiche. Costretta a buttarsi nel mondo del lavoro, ha iniziato come responsabile in un negozio di parrucchieri, per poi sbarcare in un concept store di fiori, fare la cameriera e finire nuovamente nel negozio di parrucchieri. Quando pensava di aver trovato il suo posto nel mondo lavorativo, era la responsabile in un negozio di abbigliamento.Ma il suo sogno restava quello di fare la gallerista d’arte contemporanea.

Più di una volta Cristina Fogazzi ha pensato di non essere nata sotto una buona stella, e che realizzarsi e trovare il proprio spazio nel mondo fosse difficile quanto impossibile.

Tra un ripiego e l’altro, la sua presenza nel settore dell’estetica inizia da addetta commerciale in un centro estetico lombardo. Inizialmente si occupava di diverse campagne di marketing per conquistare più pubblico possibile ma, passo dopo passo, affascinata da quel mondo, decide di formarsi per intraprendere questa nuova strada.

L’idea di ribattezzarsi come l’Estetista Cinica nasce proprio lì, dall’idea di una collaboratrice. Coniato in seguito all’esperienza con le sue clienti che negli anni corrono ai ripari dai vari inestetismi fisici, Cristina vuole smontare l’idea della perfezione, riuscendo con il suo “cinismo” ad essere schietta e sincera nel dispensare consigli beauty.
Questo contribuisce al suo successo.

La sua anima da imprenditrice nasce tra il 2013 e il 2014 con un blog, estetistacinica.it,e nel 2019 inaugura il suo primo store VeraLab a Milano, tutto rigorosamente rosa. In soli tre anni, oltre alla piattaforma digitale, inaugura diversi corner in Rinascente, dal capoluogo lombardo, a Roma e Firenze, sino a Palermo, riuscendo a creare un vero e proprio business. Il mondo digitale ha amplificato il suo pubblico, superando i 600 mila followers su Instagram e raggiungendo numeri importanti tra gli utenti di VeraLab.

Il trionfo della cosmesi “cinica” risiede nella strategia di Cristina, in un settore in costante crescita negli ultimi anni, fatto di concorrenza e cure miracolose. Oltre alla sincerità e alla schiettezza, la Cinica incrementa le vendite e conquista le sue clienti con degli sconti sui nuovi acquisti: propone un omaggio per chi sa riciclare i vecchi flaconi nello store a Milano o attraverso l’iscrizione alla newsletter di VeraLab.

Cristina Fogazzi ha spesso parlato della sua esperienza imprenditoriale e poche volte ha raccontato la sua storia e cosa l’ha portata sino alla vetta. Per anni ha rivelato di essersi sentita inadeguata su diversi fronti prima di diventare una personalità di spicco e di ispirazione per tanti.

 “Non esiste nessuna attività imprenditoriale e nessun successo che non sia fatto da una persona che di quella cosa ha bisogno e che la vuole fortemente.” 

 

Cristina è riuscita a dar vita ad un’azienda che nel 2019 ha chiuso l’anno con più di 28 milioni di euro di fatturato, e che nel periodo del lock-down in seguito alla diffusione del Coronavirus in Italia, ha registrato un picco di incassi. Una tendenza che trova negli acquisti online una risposta strabiliante e che costituisce un modello da seguire.                                                                                  È riuscita a tenerci compagnia nelle sue stories di Instagram, in cui ogni mattina ha spiegato e dato consigli sull’utilizzo dei suoi prodotti. Per amplificare il tutto, ha aperto le consulenze online del suo team che, in poche ore, hanno visto appuntamenti spalmati in due mesi interi di lavoro.

Da maggio 2020, Cristina Fogazzi riserva consigli anche in libreria, attraverso la riedizione del suo libro “Guida cinica alla cellulite” edito da Mondadori e scritto insieme ad Enrico Motta, esperto di chirurgia plastica. Come smascherare la vera cellulite con una guida per imparare a riconoscerla. Ha tutto il sapore di un sogno che si avvera e in pochissimo tempo la casa editrice ha dovuto aprire e chiudere le prevendite del libro. Il segreto? I gadget compresi nell’acquisto, interamente pensati dall’Estetista Cinica.

Riuscire a coinvolgere un ampio pubblico e avere un seguito crescente non è semplice, soprattutto in un momento in cui diverse realtà si riversano sul mondo virtuale. Eppure Cristina sembra avere la chiave giusta.                                           

Le sue prospettive mirano alla consapevolezza dell’acquisto che non è mai unilaterale verso i suoi prodotti. Infatti, spesso, nelle dimostrazioni sull’utilizzo l’Estetista Cinica propone anche prodotti analoghi “della concorrenza” (senza riferimenti ad altri marchi, sia chiaro). Nella sua franchezza si dimostra leale,  qualità molto apprezzata da chi ascolta. Proporre codici sconto e package originali (anche questi tutti rosa), fa sì che il cliente sia predisposto ad acquistare in una visione d’azione che sia anche di riutilizzo.

Sembra, così, che ogni scatola di prodotti sia confezionata da lei stessa prima di poter essere spedita in tutte le parti d’Italia. Un esempio fra tanti, in questo periodo di lockdown, la scelta di regalare flaconi di gel disinfettante e una t-shirt con stampato il motto “Andrà tutto bene”. Cristina si dimostra una qualunque di noi, che tra l’incertezza e lo smarrimento del momento, è come se ci porgesse un abbraccio virtuale. Il risultato è eccellente.

Cristina Fogazzi è l’esempio di una realtà imprenditoriale tutta italiana, fatta di studio e di un progetto in continua evoluzione. Lo dimostra l’approccio ai nuovi mezzi di comunicazione, tra cui Instagram, e all’e-commerce che ha contribuito all’impennata delle vendite dei suoi prodotti.

Un esempio scelto persino da Forbes Italia, che inserisce Cristina nella propria lista del 2020 tra le donne più prestigiose dell’anno.

,
Elisa Floris

Sarda, laureata in Scienze dell’architettura. Amante dell’arte, del bello e delle parole.